Domenica 4 Dicembre

Auto sfugge all’alt della polizia e si schianta contro un muro, a bordo un calciatore dell’Empoli

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Il calciatore dell’Empoli protagonista della vicenda e Lorenzo Tnelli che si trovava sulla vettura insieme al conducente ed ad una ragazza

Lorenzo Tonelli è rimasto coinvolto questa mattina all’alba in un incidente stradale dal quale per fortuna è uscito illeso. Un’auto di grossa cilindrata, una Bmw M3, non si è fermata all’alt della polizia intorno alle 4 in viale Michelangelo a Firenze, proseguendo a forte velocità e andandosi poi a schiantare contro il muro di un’abitazione.

L’auto è intestata al calciatore dell’Empoli Mario Rui, che non era presente. Al momento dello scontro a bordo, oltre al conducente, c’erano Tonelli e una ragazza, anch’essa rimasta illesa. Il conducente della macchina si è allontanato subito dopo lo schianto. Sul posto è intervenuta la polizia municipale per i rilievi.

Secondo quanto ricostruito, quando ha ignorato l’alt, il conducente stava parlando al cellulare e l’auto, dopo aver sbandato colpendo dei motorini in sosta e dei cartelli stradali, si è schiantata contro il muro di un palazzo all’angolo tra viale Michelangelo e via Marsuppini.

L’uomo alla guida del mezzo di proprietà di Mario Rui avrebbe deciso di presentarsi alle autorità nelle prossime ore e rischia un doppia sanzione amministrativa, per non essersi fermato all’alt della polizia e per essere fuggito dal luogo di un incidente senza feriti. Sulla vicenda è intervenuto il ds dell’Empoli, Marcello Carli: “Mario Rui non c’entra niente perchè ha soltanto fatto un gesto di generosità, aveva prestato una macchina a un amico e non era presente mentre Tonelli nel giorno libero e’ andato con la ragazza in discoteca. Tonelli non guidava ma lo faceva un conoscente e lui stesso ci ha avvertito subito di quanto e’ accaduto. E’ successo fortunatamente un incidente che non ha portato a conseguenze e questa e’ la cosa piu’ importante. Se avro’ da dire qualcosa a Tonelli lo faro’ a quattr’occhi. Se la societa’ lo multera’? Sono cose nostre, non ha fatto niente di particolare“.