Venerdi 9 Dicembre

Aria di Parma: operazione “Calcio Pulito” per una società pronta a rinascere

LaPresse - Jennifer Lorenzini

Il fallimento del Parma, la disperazione dei tifosi, Nevio Scala, la rinascita, la Serie D e il boom per la campagna abbonamenti: il Parma c’è!

No, non è la versione “nebulizzata” del famoso profumo Acqua di Parma. E non è nemmeno l’ennesima invenzione “artistica” del “genio” che cerca di vendere “aria fritta”. L’aria di Parma è qualcosa di nuovo, di fresco, di liberatorio. Finalmente Parma respira aria pulita. Se lo merita, in fondo. 1000 abbonati registrati nel primo giorno di apertura delle sottoscrizioni. Fantastico. E i nomi e i volti che si vedono adesso associati al Parma? Eccoli: Nevio Scala, presidente; Lorenzo Minotti, responsabile area tecnica; Andrea Galassi, direttore sportivo; Luigi Apolloni, allenatore. Che bellezza! Finalmente gente sulla quale poter contare. Gente di calcio vero. Gente della quale avrebbe bisogno tutto il calcio italiano. Operazione Calcio Pulito, qui a Parma, ha restituito, ai futuri spettatori e ai tifosi tutti, la speranza di poter tornare a mangiare “pane e calcio”. Come una volta. Bisogna vincere, tutti insieme, un campionato di serie D, ma sembra essere l’ultimo dei problemi. Quel che più conta è che Parma, oggi, è di nuovo Parma.