Venerdi 9 Dicembre

La gaffe di Leggo sulla ‘Rubentus’ scatena le ironie del web: “è possibile abbonarsi alla versione bozza?”

Leggo compie una gaffe senza precedenti sulla “Rubentus” e il web si scatena con ironia contro il giornale e la svista del redattore

Di errori sui quotidiani se ne vedono ogni giorno. Ma la gaffe pubblicata oggi sull’edizione milanese del quotidiano free-press ‘Leggo’ potrebbe essere definita tragicomica. A pagina 17 infatti il giornale è andato in stampa con una pagina a cui manca un titolo definitivo e un articolo. L’articolo sulla Juventus – un servizio su Pogba e sul suo possibile approdo al Barcellona – è titolato ‘Pezzone sulla Rubentus’ e al posto di occhiello e sommario campeggiano due ‘aaa’. Facile intuire la dimenticanza del redattore, che ha lasciato in pagina un titolo di bozza che fa trasparire delle antipatie verso i colori bianconeri. Il giornale ha subito chiesto scusa per l’errore postando la pagina corretta ma la gaffe ha subito scatenato l’ironia su Twitter.

Una tra le prime a segnalare il caso è stata l’onnipresente blogger Selvaggia Lucarelli, ma qualcuno come Mauro Babbo ha rilanciato spiegando che “la redazione annuncia che da oggi staranno più attenti. Il giornale si chiamerà Rileggo“. Raffaella Nappi chiede “se è possibile abbonarsi alla versione bozza” mentre alcuni tifosi juventini non hanno pietà per l’errore. “Spero falliscano tutti questi giornali da quattro soldi”, “Colpo basso alla Vecchia Signora”, “Gravissimo errore, andrebbe nascosto il telecomando al titolista per i prossimi 29 anni”, sono alcuni dei commenti più duri su Twitter. Ma alla fine sul web a trionfare è l’ironia senza cattiveria, esemplificata dal tweet di Fulvio D’Andrea: “Incredibile svarione per Leggo ma almeno non corre il rischio di sentirsi dire ‘non vi compro più”.