Lunedi 5 Dicembre

Dani Alves rimane a Barcellona: il cuore e il consiglio di Messi dietro la sua scelta

LaPresse

Una scelta quella di Dani Alves di rimanere a Barcellona con delle motivazioni che il terzino destro spiega alla stampa

Come ho detto più volte, io sto nei posti dove mi sento ben voluto. Ho avuto dei dubbi ma alla fine ho capito che qui la gente ci tiene a me ed è per questo che ho deciso di rimanere“. Dani Alves spiega la sua scelta. Fino a pochi giorni fa, il brasiliano sembrava ormai un ex, deciso a interrompere il suo rapporto col Barcellona. Ma a sorpresa ecco la firma sul rinnovo che gli consentirà di vestire la maglia blaugrana per almeno le prossime due stagioni.

LaPresse/Efe

LaPresse/Efe

“Nella mia vita seguo sempre il cuore e il cuore mi chiedeva di rimanere – racconta – Ho ancora molto da offrire a questo club, molto da vincere e ho i migliori compagni del mondo. Se credessi di poter dare poco, farei le valigie e andrei via ma le cose non stanno così“. “Non era una guerra fra me e il club e non era nemmeno soltanto una questione di soldi, perchè altrimenti sarei andato altrove – chiarisce – E la sfida a volte non è cambiare club o cercare una nuova avventura ma reinventarti all’interno dello stesso sogno”.

A spingere per la sua permanenza anche Messi. “Mi ha detto: ‘Dani resta, dove potresti stare meglio?‘. Da tempo siamo entrambi convinti che qui si sta benissimo”, assicura ancora il 32enne brasiliano, pronto a sollevare altri trofei (“Vincere e’ un vizio e non ci si stanca mai, questa squadra lo dimostra ogni volta che viene messa alla prova”), magari con Luis Enrique, anche lui confermato.

“Ha puntato su di me quando altri dubitavano. A inizio stagione, quando non si sapeva se fossi rimasto o meno, mi disse una frase che mi segnò moltissimo: ‘Dani, resta che quest’anno ci divertiamo’. Mi è rimasta nella testa, alla fine eccomi ancora qua. Mi rivedo molto in lui, soprattutto se penso a quando giocava. Mi piacciono le persone che lavorano e con carattere e ha il merito di aver riportato il Barcellona in alto”.