Sabato 10 Dicembre

Atletica, Mo Farah nel mirino dell’antidoping: “ho saltato due test per errore”

LaPresse/PA

Mo Farah, sotto il mirino dell’antidoping, giustifica i suoi due test mancati come frutto di errori

In seguito ad un’idagine avviata dalla Federazione britannica di atletica leggera per far analizzare i dati medici del campione olimpico Mo Farah, alla luce delle accuse di doping lanciate dalla Bbc all’allenatore statunitense Alberto Salazar, è emerso che l’atleta britannico avrebbe saltato due esami antidoping nel 2010 e nel 2011. In base alle norme internazionali, nel caso di un terzo controllo antidoping saltato in 12 mesi, l’atleta avrebbe rischiato una squalifica di due anni. L’olimpionico non è accusato di illeciti, ma da tempo è nel mirino dell’antidoping. “Non mi sono mai dopato in vita mia e mai lo farò. Gli unici due test saltati sono frutto di errori“. Il mezzofondista britannico Mo Farah risponde su Facebook alle accuse sollevate dal Daily Mail, cioè aver evitato due controlli anti-doping prima delle Olimpiadi di Londra del 2012, dove fu oro nei 5 mila e 10 mila metri. “Nel corso della mia carriera – scrive – sono stato sottoposto a centinaia di test e ognuno è stato negativo“.