Lunedi 5 Dicembre

Ritiro Manu Ginobili, l’argentino rivela “deciderò insieme a Duncan”

LaPresse/Reuters

Manu Ginobili e la difficile decisione: giocare ancora o ritirarsi? Questo è il dilemma

Ancora incerto il futuro di Manu Ginobili: non sa ancora se continuerà a giocare o meno. Una scelta difficile, dati anche i suoi quasi 38 anni: lo stesso Ginobili, scrive sul suo blog sul quotidiano argentino La Nacion che non sa che decisione prendere, perchè a volte il desiderio di continuare a giocare è grande, altre volte la palla a spicchi diventa una sua acerrima nemica e vorrebbe non vederla più. Una decisione sicuramente difficile, che l’argentino deve però prendere in poco tempo, data l’imminente scadenza del suo contratto con gli Spurs e che potrebbe anche dipendere dalle decisioni del compagno di squadra Duncan, che si trova nella sua stessa situazione. Ecco le parole di Ginobili riguardanti l’ardua decisione sul suo blog:
LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Ci sono momenti in cui ripenso alla stagione e mi chiedo come potrei non giocare ancora un po’. In altri istanti non voglio neanche vedere una palla. Aspetterò fine mese per vedere come mi sento: se mi sento o meno un ex giocatore. Se ho nostalgia e come sta il mio fisico. E’ un momento unico della mia vita, non mi sono mai trovato in questa situazione. L’ho pensato in maniera fugace nel 2013, ma dopo una settimana o 10 giorni già sapevo che avrei affrontato una nuova sfida. Ora vedremo. Magari mi succederà lo stesso, o forse dovrò aspettare un po’ più di tempo. Non sono scelte da fare in modo affrettato.
Non so se esista una decisione corretta. Non si può mai sapere se è hai scelto bene o no. E’ una situazione molto particolare, dove nessuno ti può dire cosa devi fare. Molti giocatori hanno attraversato momenti simili, è vero, ma ognuno la vive a suo modo, con esperienze e situazioni familiari e fisiche diverse. Smettere di fare quello che hai fatto per tutta la vita è una cosa unica. Di certo, non ho ancora programmato il ritiro, perché ho ancora dei dubbi.

Pop ha detto a me e Tim che ci voleva ritrovare la prossima stagione. Sono parole che mi rendono le cose più difficili. La verità è che se la franchigia mi avesse fatto capire che non mi voleva più, o che voleva ricostruire, o che voleva una squadra più giovane, sarebbe stato più facile per me. Forse mi sarei sentito un po’ ferito, perché quando sei su un cornicione vuoi lanciarti da solo, non vuoi che ti spingano. Quindi avrebbe fatto un po’ male, ma avrebbe anche reso le cose più facili. Invece no, e io non posso dire che se mi vogliono resto, perché devo capire davvero se ho voglia di farlo e di rimettermi totalmente in “quell’abito”.
LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Nella riunione con la squadra ho parlato un po’ con Tim e Pop, perché siamo tutti e tre in questa situazione, anche se il coach ha già chiarito quale sia la sua idea. Con Tim ci siamo trovati d’accordo sull’idea che entrambi vogliamo aspettare un po’. Abbiamo bisogno di tempo, di vedere cosa succede, come ci sentiamo, cosa dicono le nostre famiglie. Il nostro corpo non è più lo stesso, anche se nel suo caso non si nota. Però già stanno arrivando altri pensieri.
Questo è il momento di stare al 100% con la mia famiglia. Mia moglie mi ha detto che sono io a dover decidere, e che lei sarà al fianco qualsiasi cosa decida. Pensavo sarebbe stata una decisione di squadra, ma lei sarà contenta se io sarò contento. Non so se San Antonio accuserà il colpo se qualcuno di noi dovesse andarsene, se si stava preparando ad una ricostruzione totale… se Pop se ne andasse e arrivasse un altro tecnico, se Tim si ritirasse, se Tony decidesse di non giocare più. La situazione cambierebbe molto, perché uno si sentirebbe meno in debito con i compagni. Ma se Pop continuasse, se Tim continuasse, sarebbe tutto differente. Credo che dovremmo parlarne un po’ con Tim, che mi sembra sia nella mia stessa situazione. Vediamo dove soffia il vento“.