Venerdi 9 Dicembre

Marassi 1977, un’altra Samp-Juve da scudetto: ricordi emozionanti

2015-1977, il tempo passa ma gli episodi si ripetono: una Samp-Juve da scudetto

Stadio Marassi. Sampdoria – Juventus 2015. Vittoria della Juve. E assegnazione dello scudetto. In largo anticipo sui tempi. I tifosi bianconeri festeggiano. Ma a ben vedere, è una festa un po’ rovinata proprio dal fatto di sapere prima che “tanto quest’anno lo scudetto sarebbe stato juventino”. Sempre Marassi. Sempre Sampdoria-Juventus. Anno 1977. È l’ultima giornata. Ultimi 90 minuti. La Samp lotta per non retrocedere. È agguerrita e non molla. Gioca alla morte. E la Juve fa fatica. Si lotta in campo. E sugli spalti, 15.000 tifosi bianconeri tengono il fiato sospeso. E soffrono. Nulla è ancora deciso. Niente è stato ancora scritto in maniera definitiva. L’emozione è alle stelle. Poi, nel secondo tempo,la notizia: il Milan, rivale nella lotta per la retrocessione, vince a Cesena. E così, anche battere la Juve sarebbe inutile. I nervi blucerchiati crollano. La Juventus segna con Bettega (assist di Tardelli) e Boninsegna (assist di Bettega). L’arbitro fischia per tre volte. La Juventus è campione d’Italia, a Marassi, dopo aver battuto la Sampdoria. 17° scudetto. 15.000 tifosi impazziscono di gioia.  È il paradiso.