Giovedi 8 Dicembre

Jack Sintini: la storia di come il noto pallavolista ha sconfitto il cancro

lapresse

Gli sportivi combattono ogni settimana contro i loro avversari, ma Jack ha dovuto lottare e sconfiggere un avversario davvero difficile da sconfiggere: il cancro

Giacomo Santini è un noto pallavolista italiano, ha 36 anni, e il suo più grande amore, oltre la sua famiglia, è lo sport che pratica da sempre. Ha vinto due campionati italiani, una Coppa Italia, 3 Supercoppa Italiana, 1 Coppa Italia di Serie A2, 1 Coppa del Mondo per Club, 2 Coppa CEV, 1 medaglia d’oro agli Europei con la nazionale italiana nel 2005 e una medaglia di bronzo al Grand Champions Cup. Non può che essere contento della sua carriera Jack che però, nel 2010-2011, ha dovuto abbandonare la sua più grande passione a causa di un tumore. Gli è stato infatti diagnosticato un tumore al sistema linfatico che è riuscito a sconfiggere dopo un anno, tornando così a giocare nel 2012. Era abituato a lottare fino all’ultimo secondo Jack, nelle sue partite, ma questa è stata sicuramente la partita più difficile da vincere. Fortunatamente ce l’ha fatta e ha così deciso di fondare un’associazione, l’Associazione Giacomo Sintini che punta a raccogliere fondi per sostenere la ricerca scientifica. Jack ha anche deciso di scrivere un libro, uscito nel 2014: “Forza e Coraggio”, come ho sconfitto il cancro e sono tornato a vincere, che racconta la sua lotta: “ho sempre voluto parlare alle persone della mia battaglia di sopravvivenza e l’ho sempre fatto da quanto ne ho avuto le forze. Dal letto in cui stavo ho spesso sognato che qualcuno bussasse alla mia porta per dirmi “Ehi ragazzo! Guarda qua, io ero ammalato come te, avevo paura di non farcela, ma ho tenuto duro, ho tenuto duro nonostante tutto ed è andata bene! Cerca di non perdere mai la voglia di provarci! Credici, anche se ti sembra impossibile!”. Forza e Coraggio è la nostra storia, la storia di come io e la mia famiglia abbiamo affrontato la più grande prova a cui la vita ci abbia messo davanti. In questo libro ci sono tutte le paure, le sofferenze, le speranze e le gioie che ci hanno accompagnato lungo un percorso durato due anni. Due anni che non dimenticheremo mai. Spero con tutto il cuore che la mia vicenda possa aiutare tante persone che si trovano a dover combattere contro qualcosa che è più grande di loro. Qualsiasi cosa essa sia. E spero che possano trovare in queste 204 pagine qualche appiglio a cui aggrapparsi… per non lasciarsi andare. Non smettiamo mai di sperare!“.