Mercoledi 7 Dicembre

Inizia oggi il Giro d’Italia con la prima cronosquadre

LaPresse/Fabio Ferrar

Al via oggi l’attesissimo Giro d’Italia con la prima cronosquadre da San Lorenzo al Mare a Sanremo

Saranno 22 le formazioni al via, composte da nove corridori ciascuna, che si sfideranno lungo i 3.486 chilometri del 98esimo Giro d’Italia, con un percorso ricco di insidie fin dalla partenza di oggi. C’è attesa per il primo atto della corsa rosa, una cronometro a squadre di 17,6 chilometri da San Lorenzo al Mare a Sanremo che si svolge nella quasi totalità lungo la pista ciclabile Riviera dei Fiori. Si tratta di una pista dalla carreggiata mediamente ristretta (ricavata da linea della ex-ferrovia asfaltata e adattata) con alcune gallerie illuminate lungo il tragitto. Da segnalare a metà percorso in Arma di Taggia due svolte accentuate con un sottopasso per uscire dalla pista e passare sul cronometraggio intermedio e quindi rientrare e proseguire sulla pista fino in prossimità dell’arrivo che sarà aggiudicato sul Lungomare Italo Calvino, dove dal 2008 al 2014 terminava la Milano-Sanremo. Non sono presenti difficoltà altimetriche per cui le squadre avranno la possibilità di raggiungere alte velocità, visto poi che le previsioni meteo assicurano un clima primaverile, con temperature attorno ai 23 gradi (e vento debole frontale).
La prima a partire sarà l’italiana Lampre-Merida (alle ore 15,10); a seguire, con intervalli di cinque minuti, Ag2R-La Mondiale, Androni-Sidermec, Astana, Nippo-Vini Fantini, Trek Factory, Bardiani-Csf, Bmc, Team Sky, Etixx-Quickstep, Giant-Alpecin, Iam, Movistar, Southeast, Ccc Sprandi Polkowice, Orica-GreenEdge, Lotto Nl-Jumbo, Lotto-Soudal, Katusha, Tinkoff-Saxo, Cannondale-Garmin e Fdj. Orica, Sky e Bmc sono tra le favorite per conquistare la prima maglia rosa, da difendere poi domenica nella seconda frazione, la prima in linea, la Albenga-Genova di 177 chilometri con tracciato adatto ai velocisti. Da quest’anno, poi, la corsa organizzata da RCS Sport-La Gazzetta dello Sport, che si concluderà a Milano durante l’Expo 2015, vivrà di alcune iniziative speciali di stampo ambientalistiche. Grazie alla collaborazione di CamelBak, in tutte le tappe, ad esclusione della prima, saranno messe a disposizione degli atleti in gara una o più Green Zone CamelBak, generalmente posizionate ai rifornimenti e/o a -20 km dall’arrivo. Saranno aree lunghe circa 100 mt, evidenziate da grandi sagome di borracce verdi. Tutti i corridori saranno invitati a gettare rifiuti e borracce in queste aree e a non disperderle sulle strade.