Martedi 6 Dicembre

Giro d’Italia, il gruppo si “spacca” e tanti big restano indietro: la nuova classifica

LaPresse/Fabio Ferrari

Giro d’Italia tra sorprese e conferme: il giovane Formolo alto in classifica, mentre il favorito Uran Uran lo guarda da lontano

E’ iniziato da soli quattro giorni il 98esimo Giro d’Italia, ma la classifica sembra già ben definita e vede fuori dalla top 10 alcuni tra i big più quotati a vincere questa edizione. Tra i favoriti della vigilia spiccavano sicuramente Contador, Aru, Porte, Uran Uran, Van Den Broeck e Pozzovivo, ma a volte le aspettative deludono e non tutti i campioni riescono a dare il meglio di sè. Che ciò accada già nei primi giorni, però, è abbastanza sorprendente: ne sanno qualcosa Uran Uran, Van Den Broeck o Damiano Cunego che già adesso, dopo 4 tappe, in classifica sono scattati rispettivamente di 54”, 1′ e 04” e 1′ e 47” secondi da Contador che si trova al quarto posto, con 6” sull’italiano Aru. Pozzovivo invece, dopo la brutta caduta di ieri, ha dovuto rinunciare alla corsa, mentre Porte  riesce per il momento a rimanere nella top ten. Come spesso accade però, c’è sempre qualcuno che sorprende, quest’anno tocca all’italiano Davide Formolo, vincitore della tappa odierna. Un giovanissimo che tutta l’Italia spera possa regalare immense soddisfazioni, e che, al momento si trova al nono posto a pari merito con Moinard, a soli 2 secondi dal settimo Visconti. Ancora è presto per dire chi resterà nella top ten e chi invece vivrà il Giro dal fondo della classifica,  l’unica cosa certa è che al momento non tutti i big sono riusciti a garantirsi i primi posti e, anzi, c’è già chi guarda le spalle degli altri…