Sabato 10 Dicembre

Prima di LeBron e di Jordan, il primo vero mito del basket: Julius Erving

iconsmi/LaPresse

Il primo mito del basket è Julius Erving

LeBron James di qua,  Kevin Durant di là, Chris Paul di su, Russel Westbrook di giù. Ok. Questi sono i nomi dei migliori giocatori di basket di oggi. A quanto dicono le classifiche. E poi aggiungiamo alcuni storici nomi: Bill Russell, Shaquille O’Neal, Oscar Robertson, Earl Monroe. Ok. E la lista potrebbe andare avanti per ore. Certo, abbiamo dimenticato Larry Bird, Magic Johnson e sua maestà Michael Jordan. È vero. Ma alla fine, la domanda è: chi è stato il primo giocatore a “fare la differenza?” Chi è stato il primo giocatore di basket a unire spettacolo, fantasia, novità, concretezza, punti, vittorie? Chi fu il primo giocatore del quale si ricordano esattamente non solo il viso e il numero ma anche le  plastiche pose aeree?  Chi è stato il primo ad avere un soprannome che fosse più importante del nome vero? Chi è stato il primo giocatore di basket a far sì che le sue sneakers diventassero “moda?” Lui: Julius Erving. Chioma afro, numero 6, voli da aliante, schiacciate impossibili, soprannome: The Doctor; Doctor J. Stile, classe, sensualità. I N I M I T A B I L E.