Domenica 4 Dicembre

Nuoto, Phelps punta alle Olimpiadi di Rio de Janeiro

Zuma press/LaPresse

Dopo sei mesi di squalifica il campione di nuoto Phelps torna in vasca, sperando di riuscire a dimostrare a tutti di essere un uomo diverso

Non vedo l’ora che arrivi il prossimo anno. Non credo sia difficile capire il motivo per il quale sono tornato a nuotare“. Michael Phleps mette nel mirino i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, che sarebbero i quinti della sua incredibile carriera. Il nuotatore statunitense, l’atleta più vincente nella storia dei Giochi con 22 medaglie conquistate, di cui 18 d’oro, tornerà alle competizioni stanotte a Mesa, in Arizona, al termine della squalifica di sei mesi decisa dalla Federnuoto a stelle e strisce, dopo il suo arresto per guida in stato di ebbrezza, che gli costerà anche la partecipazione ai mondiali del prossimo agosto a Kazan, in Russia. “Mi dispiace molto il fatto di non poter essere presente alla rassegna iridata“, sottolinea il 29enne di Baltimora tornato alle competizioni proprio a Mesa un anno fa dopo il ritiro annunciato al termine delle Olimpiadi di Londra del 2012. L’obiettivo principale per Phelps nel 2015 saranno i campionati statunitensi che si disputeranno ad agosto in Texas a San Antonio, dopo i mondiali. “Gli ultimi mesi sono stati probabilmente i più difficili della mia vita“, spiega il plurimedagliato a 5 cerchi che si è anche sottoposto a terapia per superare la sua dipendenza dall’alcol. “Mi assumo la piena responsabilità di tutte le mie azioni. Ho ferito molte persone ed è stato terribile ma in questi mesi ho avuto anche la possibilità di riflettere e ora vedo le cose in maniera diversa, ho la testa più sgombra e voglio riscattarmi“. Il suo allenatore, Bob Bowman, conferma che Phelps è cambiato. “Lo vedo completamente diverso. Da quando si è sottoposto alla terapia è un’altra persona“. “Vorrei dimostrare a tutti che sono un uomo diverso da quello che ero prima e decisamente migliore. Ora sono felice e nella miglior forma fisica degli ultimi anni“, conclude Phelps, che già nel 2004, dopo le Olimpiadi di Atene era stato condannato a 18 mesi di libertà vigilata sempre per guida in stato di ebbrezza. Domani il 29enne di Baltimore farà il suo debutto nel meeting di Mesa, nella gara dei 100 farfalla e gareggerà in altre 4 prove