Venerdi 2 Dicembre

Teen-Ager in Formula Uno per un giorno: il caso Alonso

Lapresse / EFE

Tutti gli adulti sognano di tornare teen-Ager, ma è lo stesso per i piloti di Formula Uno?

Deve essere una sensazione bellissima! Deve essere come viaggiare con il teletrasporto! Immaginate di svegliarvi una mattina e di avere 13 anni. Sì, esatto. Dimenticate i vostri 30, 40, 50, 60 e oltre. Aprite gli occhi e siete di nuovo un teen-ager. Cercate la mamma. Volete fare in fretta colazione e andare subito in spiaggia. Vedete qualcuno in sala ma non lo riconoscete. Non sapete assolutamente chi sia e cosa faccia in casa vostra.  Sono “gli adulti”. Del resto, che importa a voi tredicenne imberbe? La sola cosa che conta oggi è andare al mare con mamma. Fare il bagno. Fare castelli di sabbia. Divertirsi. Spensierati. Che meraviglia. Ecco, se tutto questo succedesse a uno di noi comuni mortali sarebbe quello che tutti sognano: tornare giovani! Se invece succede a un pilota di Formula 1 che corre a velocità esagerate sui circuiti di tutto il mondo…beh, allora la cosa è un po’ più preoccupante. O no?