Domenica 11 Dicembre

Poco spettacolo in campo, ma non sulle teste dei giocatori. Capigliature d’alta quota in Roma-Juve

Partita a nervi tesi, il gioco ne soffre, ma i capelli no!

Ieri il primo tempo del tanto atteso match fra Roma e Juventus è stato abbastanza lento e sonnacchioso. Così lo sguardo è stato libero di vagare per il campo alla ricerca di segnali interessanti. E l’attenzione è caduta immediatamente sulle acconciature dei giocatori in campo. La cresta bicolore di Nainggolan, quella da “barrio” di Pereyra, quella “zebrata” di Vidal e quella seduta in panchina di Pogba. Ma anche: il codino da “samurai” di Caceres, la “terrazza” alla Grace Jones di Yanga-Mbiwa, la fascia “copri-calvizie” di Gervinho, l’eleganza hipster di Marchisio o il taglio caprino, tendente al giallo paglierino, di Coman. Per tutti i gusti. E anche di più.