Venerdi 9 Dicembre

Ad un anno dalla morte di Ciro Esposito, la madre all’Olimpico contro la violenza negli stadi

“Sono pronta a fare anche questo per quello che ho insegnato ai miei figli”, commenta Antonella Leardi

Se il Napoli dovesse arrivare in finale in Coppa Italia Antonella Leardi, la madre di Ciro Esposito, sarebbe pronta ad andare all’Olimpico come testimone di pace a quasi un anno di distanza dalla morte del figlio. “Sono pronta a fare anche questo per quello che ho insegnato ai miei figli“, dice all’Adnkronos Leardi, che il 20 marzo a Taranto riceverà il premio Eccellenza Franco Salvatore nell’ambito del Magna Grecia Awards per il suo impegno contro ogni forma di violenza. “Sono disposta a tutto, ho messo in gioco la mia vita – continua – ho paura ma ce la sto mettendo tutta. A me farebbe tanto piacere se fosse utile anche se – aggiunge – ci credo poco“. “E’ l’unico obiettivo della mia vita, io sono disposta a mettermi in gioco – ribadisce – e anche ad essere criticata per questo perché purtroppo non tutti vogliono la pace, ma io sono pronta a tutto perché ho perso una parte importante della mia vita. Ciro era un ragazzo che amava lo sport, certamente non avrebbe ucciso nessuno“.