Sabato 3 Dicembre

Sei Nazioni: novità per la formazione dell’Italrugby anti – Scozia

LaPresse/PA

Il ct azzurro, Brunel, lancia Visentin e Bacchin. Castrogiovanni lascia ritiro dopo l’infortunio al naso

E’ un XV azzurro con molte novità rispetto a Twickenham, ben 6 nella formazione iniziale, quello dell’Italia che sabato a Edimburgo affronterà la Scozia in un match della 3/a giornata del 6 Nazioni. Due gli esordienti dal primo minuto nella linea dei trequarti. Infatti McLean ad estremo e Venditti all’ala conservano posto e posizione, mentre Luca Morisi mantiene la maglia numero 13 e Brunel, assente per infortunio Andrea Masi, gli affianca come primo centro per la trasferta scozzese il compagno di club alla Benetton Treviso Enrico Bacchin che, alla prima convocazione assoluta, conquista subito una maglia da titolare in azzurro. A completare la linea arretrata un altro esordiente, l’ala delle Zebre Michele Visentin, che completa il triangolo allargato rilevando il posto del compagno bianconero Sarto. Confermata per la sesta partita di fila la coppia mediana con Haimona all’apertura e Gori in maglia numero 9, mentre in terza linea con Minto e capitan Parisse – che raggiunge Bortolami a quota 111 caps, in vetta alla lista dei più presenti di sempre in maglia azzurra – rientra Simone Favaro, assente dal match dello scorso novembre contro l’Argentina a Genova. Intanto oggi Martin Castrogiovanni, incerottato al naso dopo l’aggressione subita da un cane domenica scorsa, a causa delle quale gli sono stati applicati 14 punti di sutura, ha lasciato il ritiro azzurro. Nei giorni scorsi è stato sottoposto a una cura a base di antibiotici. Questa la formazione dell’Italia che affronterà la Scozia: 15 McLean, 14 Visentin, 13 Morisi, 12 Bacchin, 11 Venditti, 10 Haimona, 9 Gori, 8 Parisse, 7 Favaro, 6 Minto, 5 Furno, 4 Biagi, 3 Chistolini, 2 Ghiraldini, 1 Aguero. A disposizione: 16 Manici, 17 De Marchi, 18 Cittadini, 19 Fuser, 20 Vunisa, 21 Palazzani, 22 Allan, 23 Bisegni.