Lunedi 5 Dicembre

I risultati della notte Nba: successo per i Denver di Gallinari

LaPresse/Reuters

Vittorie anche per Bulls e Memphis, sconfitta pesante per Charlotte

Nelle partite giocate nella notte Nba James Harden protagonista allo US Airways Center della vittoria in trasferta dei Rockets 127-118 contro i Phoenix Suns, la guardia di Houston (36-16) chiude con 40 punti a referto di cui 20 nell’ultimo quarto regalando ai suoi un successo in rimonta, sesta vittoria nelle ultime sette giocate. Cominciano subito forti gli uomini guidati da coach Kevin McHale avanti 41-23 dopo il primo quarto ma prima dell’intervallo lungo i padroni di casa accorciano le distanze portandosi 61-70. Nel terzo parziale il sorpasso con i Suns che si portano avanti 89-88. Nell’ultimo quarto il capolavoro di Harden che mette a segno oltre la metà dei punti dei suoi, 20 su 39. Dietro ad Harden, per lui anche 9 assist e 12 rimbalzi, Josh Smith, 20 punti. Il migliore di Phoenix (29-25), alla quinta sconfitta nelle ultime sei, è Eric Bledsoe con 32 punti.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Ancora una vittoria per Memphis, seconda nella Western Conference e al nono successo nelle ultime 10 (39-13), i Grizzlies al FedExForum hanno superato 95-86 i Brooklyn (21-31) al terzo ko consecutivo. Ad affondare i Nets allenati dall’ex Lionel Hollins, Zach Randolph, 19 punti, e Marc Gasol, 14 punti e 11 rimbalzi. Sei in totale i giocatori dei Grizzlies in doppia cifra. Una sfida mai in discussione con Memphis che al termine del primo quarto prende subito il largo, 32-15, mantenendo per quasi tutto il match un margine di 10 punti. Nella notte no di Brooklyn i più prolifici sotto canestro sono Mason Plumlee e Alan Anderson con 15 punti a testa, per Plumlee anche 14 rimbalzi. Successo dei Bulls (33-20) terzi nella Eastern Conference, Chicago strapazza sul parquet dello United Center 106-84 i Kings 104-86 (18-33). Sugli scudi Pau Gasol, 26 punti e 16 rimbalzi che gli valgono la 34esima doppia-doppia in stagione e la 13esima consecutiva. Dietro di lui Tony Snell al suo miglior score in carriera, 24 punti, e Derrick Rose, 23. Per Sacramento 24 punti per Rudy Gay e 15 di DeMarcus Cousins autore anche di 8 rimbalzi. Notte fonda per i Lakers (13-39) sconfitti davanti al pubblico amico dello Staples Center 106-96 dai Nuggets e al nono ko nelle ultime 10. In tribuna la rabbia di Magic Johnson che se l’è presa con il proprietario dei Lakers, Jim Buss: “non consulta nessuno che lo possa aiutare nelle scelte e sogna di vincere l’anello”. In campo l’assenza di Kobe Bryant si è fatta sentire per i californiani avanti 48-45 a metà gara ma affondati nell’ultimo parziale dagli ospiti 35-25. A spingere Denver (20-33), che cancella così una serie di 6 sconfitte consecutive, Ty Lawson che con 32 punti e 16 assist segna il miglior risultato nella sua stagione, 15 per Darrell Arthur, 21 minuti in campo e 4 punti per Danilo Gallinari. Il migliore dei Lakers è Carlos Boozer, 21 punti e 10 rimbalzi, 18 per Wayne Ellington.

Scommetti con William Hill ed ottieni un bonus di 100 euro

william hill logo