Domenica 11 Dicembre

Moto Gp: Marquez imprendibile, Rossi secondo

 cafù rossiMarc Marquez mette la quinta a Le Mans e si conferma imbattibile. Lo spagnolo della Honda ufficiale trionfa nel Gp di Francia dopo una super rimonta e centra cosi’ la quinta vittoria su altrettante gare fin qui disputate. Il baby fenomeno della Hrc e’ il primo pilota riuscito a centrare la doppietta pole-gara per cinque gran premi di fila dopo l’exploit di Mike Doohan, sempre con la Honda, nel 1997. Difficile di fronte a questi numeri individuare un anti-Marquez in chiave iridata. Ma se un rivale di Marquez c’e’, quel rivale e’ sempre di piu’ Valentino Rossi. Il ‘dottore’ concede il bis e, dopo il secondo posto di Jerez, chiude di nuovo alle spalle del ‘marziano’ e davanti a un combattivo Alvaro Bautista con la Honda del team Gresini. Ai piedi del podio altri due spagnoli: Pol Espargarto con la Yamaha Tech3 e Dani Pedrosa con l’altra Honda ufficiale. Nella classifica iridata Marquez e’ gia’ in fuga con 125 punti. Pedrosa resta secondo a quota 83, ma ormai solo 2 punti lo separano da Rossi. La gara di Le Mans regala sorprese fin dal semaforo verde. Dovizioso e Rossi partono alla grande e dopo due giri sono primo e secondo, Marquez e Lorenzo finiscono larghi alla curva 8 e scivolano nelle retrovie mentre Nicky Hayden e Andrea Iannone finiscono a terra e chiudono subito la gara. Nello spettacolare duello ravvicinato fra Dovizioso e Rossi la spunta il ‘dottore’, che mette la freccia al terzo giro e saluta il forlivese.

La Ducati non ha il passo per lottare per il podio e, dopo lo show iniziale, Dovizioso perde terreno. Rossi prova invece a costruire una mini fuga prima della rimonta di Marquez, che puntualmente si concretizza. Il leader iridato scala posizioni su posizioni a suon di giri veloci e manovre al limite: al sesto giro lo spagnolo supera l’ostacolo piu’ grande rappresentato da Lorenzo e si porta in quinta posizione, al decimo giro il baby fenomeno della Honda e’ gia’ attaccato agli scarichi della Yamaha di Rossi. Ma il duello fra i due in pratica non ci sara’ perche’ a 15 giri dalla fine il pesarese va lungo in curva e lascia strada libera a Marquez. Il campione del mondo torna a dettar legge e nell’arco di pochi giri mette in cassaforte altri 25 punti preziosi. A Rossi invece non resta che tenere a distanza di sicurezza Alvaro Bautista, missione compiuta senza particolari affanni, e pensare alla prossima gara al Mugello. Continua invece il momento no di Lorenzo, compagno di squadra di Rossi, che nel finale si fa superare anche da Pedrosa e chiude con un sesto posto a dir poco anonimo. Fa anche peggio Dovizioso, solo ottavo dopo l’illusione iniziale.