Sabato 3 Dicembre

Petrucci difende Stendardo: “Ha fatto bene”

Il calcio troppe volte si prende sul serio, di fronte a una specializzazione come l’esame d’avvocato come si puo’ dire che c’e’ il contratto? Si puo’ punire un ragazzo solamente perche’ ha esercitato un suo diritto? Ben ha fatto Stendardo”. Con queste parole, il presidente del Coni, Gianni Petrucci, commenta il caso di Guglielmo Stendardo, il difensore dell’Ataltanta che ha saltato la partita di Coppa Italia disputata ieri con la Roma all’Olimpico per recarsi a Salerno, dove in questi giorni sta sostenendo l’esame di Stato per diventare avvocato. Un gesto criticato dal tecnico dei bergamaschi, Stefano Colantuono, e che ora potrebbe essere punito dal club orobico. ”Certo che c’e’ il contratto, ma anche il buonsenso – ha detto Petrucci a margine della cerimonia della federciclismo ‘Giro d’Onore’, svoltasi stamane al Coni -. Un applauso a una persona che oltre alla laurea vuole conseguire anche il passo successivo molto importante. Faccio appello al presidente Percassi, che ben conosco: siamo seri, siamo sereni”. ”Si puo’ punire un ragazzo solamente perche’ ha esercitato un suo diritto? Il calcio si prende troppo sul serio. Ben ha fatto Stendardo a fare questo”, ha concluso il numero uno dello sport italiano.