Giovedi 8 Dicembre

Fiorentina, Mencucci: “Al di là di ogni più rosea aspettativa”

“Stiamo andando al di la’ di ogni piu’ rosea aspettativa, dopo aver sostituito 18 giocatori e l’allenatore pensavamo ci volesse piu’ tempo”. Sandro Mencucci, amministratore delegato della Fiorentina, e’ quasi sorpreso del terzo posto dei viola in campionato. “Il cambiamento era necessario, quando tocchi il fondo l’unica soluzione e’ cambiare piu’ o meno tutto. Ci siamo salvati lo scorso anno alla penultima di campionato ed e’ strano vedersi ora al terzo posto. Siamo stati fortunati di avere Prade’ e Macia e un tecnico come Montella”, dice l’ad viola a Radio Anch’Io Sport. Alla parola scudetto sorride anche Mencucci, oltre a Montella. “Si sorridiamo tutti per i motivi di prima, siamo troppo giovani per questo, guardiamo la classifica ma dobbiamo aspettare qualche mese in piu’. Abbiamo dichiarato di voler tornare in Europa vedremo se tra qualche mese saremo li, ma la cosa piu’ bella e che fa piu’ piacere e’ che la squadra gioca bene e lo dicono anche non tifosi viola e mi sembra un bel messaggio”, prosegue Mencucci che loda il tecnico Vincenzo Montella. “Aveva fatto bene nelle squadre precedenti. Dopo una parentesi a Roma, Firenze e’ la piazza maggiore e pensavamo che lui stesso avesse bisogno di un po’ piu’ di tempo. Prandelli? Non facciamo paragoni con altri tecnici, sono molto bravi e preparati entrambi e ognuno con la sua personalita’”. L’ad viola sottolinea poi il clima positivo nella squadra. “E’ bello vedere gli allenamenti, c’e’ serieta’, empatia, stanno bene insieme, non ci sono delle stelle e dei gregari, sono tutti giocatori importanti e quando abbiamo la sfortuna di non avere Jovetic per due partite, fanno tutti il loro meglio. Merito di Montella per quello che ha fatto in cosi’ poco tempo. Nello spogliatoio si intende piu’ con gli sguardi che con le parole visto che non sappiamo ancora quale sia la lingua nello spogliatoi con tanti stranieri. Jovetic e’ un grande campione -aggiunge Mencucci- ma abbiamo costruito un gruppo e tutti lavorano bene. Lo stesso Toni ha grande voglia e tenacia. Dopo il mancato accordo don Berbatov molti ci hanno criticato per l’arrivo di Toni ma si e’ riscattato benissimo e sta tornando il Toni che era. Aquilani? Con la doppietta di ieri e il gol e assist prima e’ un giocatore a cui sta tornando un bel sorriso”. L’ad della Fiorentina scherza poi sul mancato arrivo di dell’attaccante bulgaro Dimitar Berbatov. “Se ci ha rimborsato il prezzo del biglietto? No, e’ un piccolo buco bilancio che mi pesa… Non si e’ comportato bene ma pazienza”. “A Firenze si lavora bene anche perche’ abbiamo una proprieta’ straordinaria. !Quanto vale Jovetic sul mercato? Il valore lo possiamo dare quando si vuole vendere un giocatore. Lui e tanti altri nostri giocatori hanno una valorizzazione importante, ma faremo di tutto per aumentare il valore di questa squadra, non a gennaio perche’ abbiamo costruito un bel gruppo e potremmo solo sbagliare a gennaio”, spiega Mencucci che si fida degli esperti viola del mercato. “Prade’ e’ un professionista bravissimo, ma si compensa con Macia, hanno lavorato benissimo. Daniele mi ha meravigliato per la sua competenza. Per il nostro lavoro da Roma abbiamo portato pezzi pregiati come Montella e Prade’”.