Sabato 10 Dicembre

Atalanta, Manfredini: “Non siamo brocchi”

”Con il Siena sara’ una partita fondamentale. Adesso bisogna solo ripartire senza accampare scuse o alibi. Non e’ che dopo tre gare storte siamo diventati dei brocchi”. Al rientro dall’infortunio al bicipite femorale sinistro patito in casa contro il Torino, Thomas Manfredini e’ pronto a riprendere in mano le redini della difesa dell’Atalanta. ”Sono stato fermo solo due o tre giorni, la settimana scorsa ho ripreso ad allenarmi in gruppo e la condizione e’ buona”, prosegue il centrale ferrarese. L’analisi del momentaccio dei nerazzurri e’ risolta in poche parole: ”Quando si perde, i se e i ma non contano: zero punti in tre partite la dicono tutta. Dispiace per la brutta figura in casa con il Torino, mentre a Roma potevamo strappare qualcosa di piu’ anche se con me erano fuori in tanti”. L’attuale capitano dei bergamaschi (la fascia sarebbe dell’infortunato Bellini) rivela un retroscena: ”Con l’allenatore Colantuono abbiamo rivisto piu’ volte i video delle tre sconfitte con Catania, Torino e Roma evidenziando gli errori commessi. Ma il problema vero e’ che appena molliamo andiamo in difficolta’: quando prendiamo gol, non riusciamo a reagire”. Per allontanarsi dalla zona retrocessione i prossimi due impegni saranno determinanti: ”Il Siena si batte con la rabbia e la cattiveria giusta, restando sul pezzo fino al 95′ – chiude Manfredini -. L’avversario di turno, al di la’ del fatto che e’ stato capace di recuperare sei punti di penalizzazione, ha lo stesso carattere di Cosmi e sara’ un osso duro. Esattamente come il Pescara che dovremo incontrare a ruota”.