Martedi 6 Dicembre

Juventus-Napoli, trepidante attesa

Cavani Vidal Juventus Napoli

Cavani Vidal Juventus NapoliDopo due settimane d’attesa, complice la sosta per gli impegni delle nazionali, il grande giorno è arrivato e stasera, a braccetto in vetta alla classifica, Juventus e Napoli si sfideranno per il primo posto nella massima competizione nazionale. Sarà una sfida molto importante, che probabilmente avrà ripercussioni sull’intera stagione; un big match che nessuno vuol perdere, anche se in molti, soprattutto tra coloro che non riusciranno a vincerlo, diranno di non ritenere decisivo per la vittoria del campionato.

Una gara in cui sia Conte che Mazzarri, due tra i più “sanguigni” allenatori della Serie A, non avranno difficoltà nel caricare i propri giocatori. Infatti, le polemiche dopo il mancato utilizzo in nazionale del capitano Gigi Buffon (che sarà obbligato a saltare anche la gara di oggi, non avendo smaltito l’affaticamento muscolare all’adduttore sinistro patito a Yerevan, ndr), non fanno altro che aggiungersi a quelle successive alla gara di Supercoppa Italiana, disputata nel mese di Agosto, quando il Napoli decise addirittura di non presenziare alla cerimonia di premiazione, in seguito alle due espulsioni subite da Pandev e Zuniga ed al rigore assegnato ai bianconeri dall’arbitro Mazzoleni.

Anche durante le conferenze stampa pre-partita, gli staff tecnici non si sono risparmiati delle frecciatine. Carrera, nella sua ultima conferenza stampa come allenatore della Juventus (dalla prossima volta troveremo il vice di Conte, Angelo Alessio, cui è stata ridotta la squalifica per il calcio scommesse, ndr), ha dichiarato: “Tutte le grandi squadre hanno avuto problemi, molti giocatori sono tornati stanchi o acciaccati dagli impegni in nazionale. Noi abbiamo i nostri, ma non piangiamo e non ci lamentiamo in giro”. Mazzarri dal canto suo, pur cercando di non apparire troppo spavaldo, ha commentato: “I loro grandi giocatori ci rispettano perché sanno che se non fanno le cose al meglio, contro di noi rischiano. Se Carrera verrà a stringermi la mano, non ci saranno problemi. Dice che siamo poco propositivi? Mi interessa più il parere degli osservatori neutrali”.

Calcio d’inizio alle ore 18.00, nell’incantevole scenario dello Juventus Stadium, dove i bianconeri saranno orfani del loro capitano e del più utilizzato tra gli attaccanti Mirko Vucinic (fuori per un’influenza intestinale e per qualche linea di febbre, ndr), invece i partenopei dovranno fare a meno del difensore Britos, mentre potranno schierare il matador Cavani, rientrato soltanto ieri in Italia, ma comunque ritenuto arruolabile. Entrambe le squadre probabilmente si schiereranno con il 3-5-2, precisamente dovrebbero giocare: Storari; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, Asamoah; Quagliarella e Giovinco nella Juventus; mentre i colori napoletani saranno difesi da: De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Gamberini; Maggio, Inler, Behrami, Hamsik, Zuniga; Pandev e Cavani. Arbitrerà Antonio Damato della sezione AIA di Barletta.

Maradona Platini Juventus Napoli anni 80

E allora lasciamo che a parlare sia il campo… non sarà più la sfida degli anni ’80, quando Maradona si giocava lo scudetto contro Platini… ma per il momento è il meglio che il calcio di casa nostra può offrirci!